H o m e  .  I n f o r m a z i o n i
PERSPEX®


 PERSPEX®


Introduzione

Proprietà

Tabella colori

Lavorazione mecc.

Termoformatura
Generalità
Riscaldamento
Precauzioni
Curvatura semplice
Curvatura doppia
Sottovuoto
Sicurezza
Tensioni interne 
Ricottura

Decorazione

Incollaggio

INSEGNE

Prezzi e acquisti
colato
estruso
accessori





TERMOFORMATURA

Tensioni interne nelle lastre acriliche

Le tensioni interne sono un fenomeno che si può verificare in molti materiali, fra cui le lastre acriliche. Possono crearsi in molti modi e si presentano dapprima come una deformazione della struttura dei materiale e, al raggiungimento di un certo livello, si può verificare un indebolimento parziale o totale. Quando vengono raggiunti questi livelli, conosciuti coi nome di "soglia limite delle tensioni", nelle lastre acriliche si può verificare un effetto chiamato "microfessurazione" (crazing).
Le microfessurazioni si sviluppano sulla superficie della lastra con crepe di dimensioni che possono essere minime ed invisibili fino a profonde fratture. Quando capita ciò, il materiale è vulnerabile fino al completo cedimento nel caso di propagazione di queste crepe.
Le tensioni nelle lastre acriliche possono essere provocate durante la fabbricazione della lastra, durante la sua lavorazione o durante l'utilizzo a causa degli effetti delle condizioni ambientali (ad esempio variazioni di temperatura).
Le tensioni che si verificano durante la lavorazione possono essere indotte da processi quali il taglio con laser, la lucidatura a fiamma, l'eccessiva pressione durante la lucidatura con pulitrice, le operazioni meccaniche che generano calore, la curvatura a freddo e localizzata a caldo.
La presenza delle tensioni non è sempre evidente senza particolari attrezzature che le possano visualizzare. Esse si manifestano durante l'incollaggio o quando si usano solventi nella serigrafia quando le tensioni possono provocare microfessurazioni (crazing). Possono anche manifestarsi durante la pulizia se vengono usati detergenti contenenti alcool o solventi.
Durante la lavorazione occorre avere cura per evitare, o limitare, il rischio di superare la soglia limite di tensione dei materiale osservando i suggerimenti riportati in questa Nota Tecnica.
Più difficile è controllare le tensioni dovute agli effetti delle condizioni ambientali. È necessario attenersi alle tecniche raccomandate per una buona lavorazione e fare un'attenta considerazione nella fase di progetto per ridurre le possibilità di formazione di tensioni interne.
Le lastre acriliche estruse hanno un livello di soglia limite più basso rispetto alle lastre acriliche colate e perciò prima di tutto è necessario considerare se l'applicazione è possibile. Durante la lavorazione di un prodotto realizzato con lastre acriliche PERSPEX® colate od estruse, si possono creare tensioni che devono essere eliminate o limitate attraverso la ricottura dei prodotto stesso. La procedura di ricottura, descritta nella sezione che segue, va utilizzata dopo qualsiasi processo che possa provocare tensioni e prima di qualsiasi operazione che possa provocare microfessurazioni: ad esempio lucidatura con fiamma, piegatura localizzata.
In alcune applicazioni quando è necessario rilucidare dopo l'incollaggio, o nel caso di articoli che devono avere uno standard elevato di qualità a lungo termine, può essere conveniente effettuare la ricottura anche prima della spedizione.


© 1999 - 2003 ALBERTINI PRODOTTI INDUSTRIALI SRL - tel +39 0461 824242 - fax +39 0461 824200


Le informazioni tecniche contenute nel sito sono frutto della ricerca dei produttori e delle esperienze maturate nel corso degli anni. Esse sono da intendersi non vincolanti e puramente indicative. Si declina qualsiasi responsabilità.